AGGIORNAMENTO_PROCEDURE_COVID

Si ritiene opportuno diffondere le indicazioni procedurali aggiornate al mese di maggio, pervenute da ATS Montagna, al fine di uniformare i comportamenti in caso di contagio.

In caso di riscontrata positività di uno studente, si ricorda che:

1. Sono considerati contatti stretti scolastici di caso gli studenti dell’intera classe presenti nelle 48 ore precedenti alla data di esecuzione del tampone (se il caso è asintomatico) oppure alla data di insorgenza dei sintomi (se il caso è sintomatico); se viene riscontrata una variante del virus la ricerca dei contatti stretti viene estesa ai 14 giorni precedenti.

2. Il personale scolastico che opera nella classe messa in quarantena e che abbia osservato le norme di distanziamento interpersonale, igienizzazione frequente delle mani e utilizzo della mascherina chirurgica non viene considerato contatto stretto e, come da ultime indicazioni regionali, può effettuare un tampone molecolare proseguendo l’attività lavorativa.

Il personale scolastico viene considerato contatto stretto di caso e posto in quarantena per 14 giorni esclusivamente in queste circostanze:

- qualora si tratti di personale delle scuole dell’infanzia e asili nido in cui i bambini non indossano mascherine;

- qualora non sia stato rispettato il protocollo di sicurezza (ad esempio situazione di emergenza) anche in relazione alla durata e tipologia dell’esposizione.

Per tutti i contatti stretti di caso viene disposta la quarantena di 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso, con successiva riammissione del soggetto in collettività a seguito di tampone con esito negativo.

A seguito di riscontro di positività di un caso frequentante la collettività scolastica, il Referente COVID di ATS si raccorda con il Referente COVID scuola (Prof. Giuseppe Palotti) per attivare le azioni previste.

Ipotesi 1: il caso è un alunno Il referente COVID scuola: 1. effettua una verifica sulle presenze dei compagni di classe in relazione alle tempistiche indicate dagli Operatori Sanitari del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria -DIPS- (48 ore antecedenti al tampone o ai sintomi) per definire i contatti stretti tra gli alunni; 2. verifica la presenza nella classe di insegnanti e operatori scolastici per valutare l’esposizione e definire gli eventuali contatti stretti tra gli adulti; 3. trasmette quindi l’elenco dei contatti stretti individuati (come da definizione sopra riportata) ad ATS Montagna; 4. invita il personale docente e non docente, che non rientra nella definizione di contatto stretto, ad eseguire volontariamente un tampone molecolare tra il 5° e il 7° giorno dall’ultimo contatto con il caso, recandosi

presso i PRESST territorialmente competenti, tramite il percorso accesso libero scuola, presentando il modulo di autocertificazione fornito e timbrato dalla scuola (allegato 3 e allegato 1). La scuola comunica l’avvio di quarantena ai contatti stretti individuati informando le famiglie ed inoltrando alle stesse: - l’informativa relativa all’isolamento (allegato 2) in cui sono riportati anche i recapiti telefonici di ATS da contattare per informazioni, in caso di comparsa di sintomi e/o per il rilascio di certificazioni. Nel caso in cui il contatto stretto diventi sintomatico è prevista l’effettuazione immediata del tampone recandosi presso il PreSST di competenza negli orari di libero accesso scuola (ore 11.00-12.00 dal lunedì al sabato per Sondrio, Chiavenna, Morbegno e Bormio e dal lunedì al venerdì per Dongo e Tirano); dovrà essere inoltre avvisato anche ATS Montagna ai riferimenti indicati nel foglio informativo e il proprio PLS/MMG.

Ipotesi 2: il caso è un insegnante/operatore scolastico Gli Operatori Sanitari del DIPS di ATS Montagna effettuano l’indagine epidemiologica sul caso e contattano i contatti stretti scolastici (ed extrascolastici) valutando la durata e la tipologia dell’esposizione, definendo i contatti stretti e disponendone la quarantena. Qualora si rendesse necessario l’isolamento della/e classe/i, il Referente COVID di ATS Montagna si raccorda con il Referente COVID scuola che metterà in atto tutte le azioni necessarie come riportate al punto 1 (Ipotesi 1: il caso è un alunno).

-------------------------------

RIAMMISSIONE A SCUOLA Al termine del periodo di quarantena della classe ATS invierà alla scuola una comunicazione tramite mail, in cui si riporterà il numero degli alunni che potranno rientrare. I soggetti che continueranno la quarantena per vari motivi saranno segnalati all’interno della stessa mail con il numero corrispondente attribuito dalla scuola nel file excel di comunicazione dei contatti. La scuola comunicherà alle famiglie la chiusura della quarantena e la ripresa delle attività in presenza per coloro che hanno terminato la sorveglianza sanitaria. I contatti stretti scolastici asintomatici saranno riammessi in collettività al termine della quarantena dopo esito negativo del tampone (assolutamente necessario per il rientro in caso di riscontro di variante nel caso indice; qualora qualcuno si rifiuti di effettuare il tampone, si prolunga la sua quarantena a 21 giorni). Certificazioni (da inviare alla mail: sotd070002@istruzione.it) 1. CASO COVID: la certificazione di fine isolamento viene rilasciata da ATS Montagna. 2. CONTATTO STRETTO DI CASO EXTRA-SCOLASTICO: la certificazione di fine quarantena viene rilasciata da ATS Montagna. 3. CONTATTO STRETTO DI CASO SCOLASTICO: a. la certificazione è sostituita dalla mail inviata da ATS Montagna alla Scuola per tutti gli alunni che concludono il periodo di quarantena di classe; b. coloro che per vari motivi non rientrano al momento della chiusura della quarantena della classe riceveranno specifica certificazione da parte di ATS da presentare alla scuola. 4. ALUNNO CHE ESEGUE TAMPONE CON ESITO NEGATIVO PER SINTOMI: la certificazione è rilasciata dal Pediatra/Medico di Medicina Generale. 5. ALUNNO ASSENTE PER SINTOMI SENZA ESECUZIONE TAMPONE: la famiglia autocertifica di aver preso contatto con il proprio Pediatra/Medico di Medicina Generale e di aver ricevuto l’autorizzazione al rientro in collettività senza esecuzione del tampone.

-----------------

Casi particolari

Nei plessi scolastici ove il 50% delle classi sia coinvolta da almeno un caso di COVID (anche se non variante)

ATS dispone la quarantena per tutti gli alunni frequentanti il plesso.

Nei casi in cui sia coinvolto il 30% delle classi, ATS valuta la sospensione delle attività in base alle caratteristiche del cluster (es n. di classi e soggetti coinvolti, presenza di varianti, ecc.). In entrambi i casi ATS può predisporre l’effettuazione di uno screening sull’intero plesso scolastico.

Allegati
COMUNICAZIONE_235_2021_AGGIORNAMENTO_SULLE_PROCEDURE_DA_ADOTTARE_IN_CASO_DI_POSITIVITA_COV.pdf
All._1_modulo_consenso_ASST.pdf
All._2_Isolamento_domicilare_agg-Aprile.pdf
All._3_Autodichiarazione-DOCENTI.docx